Granfondo Cecina (75 ass, 9 cat)

Pubblicato: 5 marzo 2012 in Gare Strada 2012
Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,





Per prima cosa ci tengo a ringraziare infinitamente Fabio Tinelli, titolare del maglificio Hicari, che ci ha messo a disposizione il suo pulman per farci cambiare, lavare e riposare nel massimo confort possibile. Grazie mille Fabio sei sempre un signore con la S maiuscola. Ringrazio come sempre Stefano Baiesi, il nostro responsabile tecnico alla Maxteam, e Davide Montanari perchè quando ci sono loro vai alla gara con la consapevolezza che devi solo pedalare perchè il resto (pacchi gara, numeri, chip, griglie, assistenza in gara, borraccie, abbigliamento che tu ti scordi ma Stefano no ecc ecc) ci hanno già pensato loro. Sembrano cavolate ma sono quelle cose che richiedono tempo e sbattimenti per cui mi sembra doveroso ringraziarli tanto!!!

Direi che la gara è andata benino. Diciamo che se analizzo la gara dal punto di vista della prestazione sono soddisfatto, sicuramente meglio che a Montalbano e in crescita. Dal punto di vista del piazzamento ho fatto alcuni errori che mi hanno portato ad arrivare indietro. Nonostante siamo arrivati alla gara con sufficiente anticipo, che a cambiarmi grazie a Tinelli ci ho messo un attimo e che grazie a Stefano ero in prima griglia… mi sono perso a chiaccherare con gli altri e non ho dato retta a Remo che invece mi diceva di andare subito in griglia. Così quando siamo entrati io, Max e gli altri eravamo veramente indietrissimo. Praticamente attaccati a quelli della seconda griglia. Così al via rincorsa per rientrare, solo che dopo pochi kilometri la prima salita ha rallentato l’operazione e il fuori giri che ho fatto per riportarmi sui primi mi ha poi fatto cedere sui saliscendi sucessivi la prima salita. Nei primi 20 minuti di gara ho fatto 344 watt medi, confrontando i dati con quelli di alcuni amici che partivano davanti e che sono arrivati tutti davanti a me io sono quello che ha speso di più dopo Remo, anche lui partito dietro. Così ecco che il primo gruppo se ne va e io resto dietro come un pirla. Fortunatamente recupero bene e mi accorgo di avere una buona gamba, così per tutti i saliscendi facciamo un buon ritmo ma poi fino a sotto la salita di Castagneto andiamo piano. Tra le altre cose non ho tirato un metro, uno perchè non sapevo come erano le salite dopo due perchè eravamo veramente troppi e nessuno voleva tirare. Così sulla salita di Castagneto mi sono portato nelle prime posizioni e fortunatamente l’abbiamo presa bella forte da subito così ci siamo scremati e siamo rimasti circa una ventina. Al bivio giriamo per il medio in un bel po e poi fino all’ultima salita ritmo da recupero attivo. Nessuno tirava e non c’era verso di organizzarsi. Abbiamo fatto quasi tutto il tratto sui 30/35 all’ora con punti anche ai 25. Imbarazzante. Poi inizia la salita e solita solfa. Gran menata e selezione. Alla fine della salita provo a dare un accelerata e mi porto dietro altri 5 ma dopo pochi kilometri il gruppo ci riprende. Solito ritmo e da dietro rientra una mandria di persone. Da li passano avanti a tirare alcuni della Baldostefan penso, con maglia verde, e il ritmo si alza e collaboriamo in circa una decina. A 1,5 km dal traguardo provo a dare una stoccata per anticipare ma a 500 metri mi riprendono così cerco di allungare lo sforzo nella volata e penso di aver fatto decimo del gruppo in cui saremo stati 50. Il primo del nostro gruppo si è classificato 54^. Alla fine mi classifico 75^, 9^ di categoria. Sono rientrato nei limiti del mio obbiettivo per questo Giro delle Regioni, ovvero, arrivare nella Top10 finale di categoria. Certo è che mi rammarico un po di non essere riuscito a tenere botta sopra la salita allo scollinamento. Ero dietro a Max (Grazia) e Remo, se riuscivo a tenere il loro passo era fatta. Sicuramente mi sarei staccato sulla salita dopo ma per lo meno potevo avanzare decisamente. Comunque inutile stare a qui a piangere sui Se e sui MA, in gara conta chi pedala più forte e in classifica ci si piazza in base alle gambe e non alle parole (se no vincerei con distacco tutte le gare), quindi, posso solo constatare che rispetto a Montalbano sono già migliorato ora occorre lavorare ancora di più per il prossimo appuntamento di Laigueglia. A tal proposito effettuerò due settimana di carico che culmineranno il 18/03 alla GF Cassani di Faenza. Andrò per buttare dentro ritmo gara e velocità. Direi che in vista di Laigueglia, che sarà la settimana dopo, sarà un ottimo allenamento e direi di fare il percorso lungo.

Oggi intanto ho continuato la due giorni di OverLoad con un allenamento che noi chiamiamo SubLT-W8. Praticamente è un allenamento che prevede: 20′ di riscaldamento + 6 cadence drill da 1′ a 120 rpm seguiti da 1′ a 75 rpm + 3′ allout a tutta + 5′ recupero + 20 minuti al 95% in salita con burst massimali di 10” ogni 2’50” + 10′ recupero + 6 volate con massimo rapporto da fermo in sella + 10′ recupero + 20′ al 90-100% in salita sopra le 80 rpm. Di quest’ultimo ne ho fatti solo 10′ perchè poi ha iniziato a piovere. Comunque buon recupero e buone gambe anche oggi. Domani recupero attivo e si ricomincia con la due giorni mercoledì e giovedì. Andammia!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...